Abitudini e Regolamento

Abitudini, Usi e Costumi del Tengu Dojo di Viareggio – Sintesi


1.       La filosofia del Dojo si rifà allo spirito del "Ji Ta Kyo Ey" / "Amicizia e Mutua Prosperità" che è ben descritta nel “Credo dei Lupi”

2.       Sono ammesse alla pratica tutte le persone tra 9 e 60 anni di età, purché in grado di allenarsi;
Non sono ammesse alla pratica persone con Fedina sporca,  dipendenza da Droga e Alcool, con Disturbi mentali

3.       E’ richiesta la presentazione del certificato medico
4.       E’ richiesta la compilazione della scheda iscrizione, all'ingresso in Palestra

5.       E’ buona abitudine l'attenzione all’igiene personale
6.       E’ buona abitudine la cura del vestiario: Kimono,Tshirt, Tabi, Cintura

7.       E’ opportuno che tutti tengano ordinati i propri oggetti nella sala di allenamento
8.       Tutta la squadra, nessuno escluso, concorre alla sistemazione delle attrezzature e della sala
9.       E’ opportuno la buona esecuzione del saluto rituale e dell’etichetta sul tatami

10.   E’ opportuno lasciare i problemi personali fuori dalla sala allenamento
11.   E’ richiesto di NON fare affermazioni auto svalutanti

12.   E’ opportuna la puntualità
13.   E’ gradita la costanza nelle presenze
14.   E’ gradita l’affidabilità, specialmente verso gli impegni presi

15.   E’ abitudine accogliere i novizi con un cerchio di presentazione
16.   E’ gradita la viva attenzione durante le spiegazioni

17.   E’ gradita l’operosità sul tatami, la vivida attenzione e l'attenzione nell'esecuzione delle istruzioni.
18.   E’ censurata la disattenzione e la conseguente inadempienza alle istruzioni

19.   Sono inopportune le polemiche durante le lezioni
20.   Sono inopportuni gli interventi a sostegno dell’insegnante, specialmente  se non richiesti. 

21.   E’ gradito il sostegno degli anziani ai novizi
22.   In caso che un “grado esperto” non gradisca ottemperare all’articolo 21 potrà avvalersi di lezioni private

23.   E’ gradita la goliardia, sono censurati Nonnismo, Bullismo e schernimento.
24.   E’ consentito abbeverarsi  e usare i servizi igienici, senza chiedere permesso

25.   E’ inopportuno masticare gomma durante la lezione
26.   E’ opportuno togliersi gioielli e monili durante la pratica

27.   E’ scorreto l’uso dei Gradi Marziali come gradi gerarchici
28.   Ogni 3-4 mesi avviene La verifica di preparazione atletica, che concorre al passaggio di cintura

29.   Ogni 3-4 ,mesi avvengono gli esami di validazione grado tecnico, indicato con la cintura
30.   Non è obbligatorio l’uso di insegne federali, ma se portate è opportuno che siano in linea con il programma insegnato

31.   E’ richiesta la riservatezza a lezione e verso terzi esterni al dojo
32.   E’ censurato lo scavalcamento insegnanti, verso i responsabili federali

33.   E’ istituita “la pergamena dell’amicizia e Mutua prosperità” per amici esterni al dojo

34.   Il cartellino verde, è un punto di merito e viene assegnato a gesti di valore

35.   Il Cartellino giallo, è un punto di demerito e viene assegnato a gesti di disturbo
36.   Il Cartellino Rosso, è un punto di grave demerito e  viene assegnato a gesti di grave disturbo

37.   In caso di grave disturbo alla lezione può essere consigliata o somministrata una sospensione temporanea
38.   In caso di grave dolo, può essere comminata una espulsione definitiva

Zinedine Zidane, espulso dai Mondiali di Calcio per comportamento scorretto

_________________________________________________________

Sistema di Gradazione
Diversamente dalle Arti Marziali più conosciute, come Karate, Judo e JuJutsu, che utilizzano un colore di cintura per ogni grado, nel Ninjutsu i colori delle cinture sono solo tre.


Bianca: Principiante
Verde: Praticante
Nero: Esperto o Maestro

Ciononostante, la gradazione comporta 10 Kyu,
Livelli di pratica del principiante, che si contano a ritroso,
dal 10° al 1°

Dal 1° Kyu in poi inizia lo studio dei DAN, che invece si
contano dal 1° in su, fino al 15°



COME VENGONO ASSEGNATI I GRADI
L'aspetto tecnico verificato a seguito da un esame è solo uno dei requisiti richiesti per l'assegnazione dei
gradi.

I requisiti nell'ordine sono:
Numero di presenze / Frequenza alle lezioni
Passione dimostrata
Rispetto delle abitudini e regole del Dojo